Da convento del XVI secolo ad hotel de charme

Studio Calori
3. octubre 2019
Facciata Nord-Est (foto: Matteo Aroldi)

Lo Studio Calori ha trasformato quest’anno un convento del XVI secolo in un hotel de charme. Sergio Calori ci racconta qualcosa in più sulla metamorfosi di questo edificio situato a Vico Morcote.

Nome dell’opera architettonica Relais Castello di Morcote
Indirizzo Portich da Sura 18, 6921Vico Morcote, TI
Scopo dell’opera Hotel de charme
Tipo di incarico Commissione diretta
Committente Famiglia Crocco
Architettura Studio Calori Architetti, Lugano, TI: Sergio Calori, Cristian Ottonetti
Progettista Studio Calori Architetti, Lugano
Fine dei lavori 2019
Principali imprese partecipanti Impresario costruttore: Aldo Lepori SA, Lugano | Opere da Carpentiere: Carpenteria Chiesa T.P. SA, Mezzovico, TI | Opere da Gessatore: Ruggero Canonica & figli SA, Taverne, TI | Impianti RVCS: Galli SA, Lamone, TI | Impianto Elettrico: Nicola Petraglio SAGL, Castel San Pietro, TI
Architetto d’interi FNA Concept, Lugano
Fotografo Matteo Aroldi Photography, Pambio, TI
Salone Storico (foto: Matteo Aroldi)
In che cosa consiste la particolarità di questo incarico?

Si tratta di un immobile del XVI secolo, un bene locale protetto che durante la sua vita ha subito molti cambi di destinazione. È stato convento, residenza privata e poi scuola di architettura, trasformarlo in hotel senza distruggere la sua storia è stata una bella sfida.

Quali sono le ispirazioni alla base di questo progetto?

L’ispirazione, nelle dovute proporzioni, arriva dalla «Caixa Forum» di Madrid, degli architetti Herzog e De Meuron. L’idea è quella di completare le facciate con un volume nuovo che si stacca completamente dall’esistente mantenendo comunque una relazione armoniosa con lo stesso.

Facciata Sud-Est (foto: Matteo Aroldi)
In che modo il luogo ha inciso sul progetto?

Il posto offre delle vedute incomparabili sul paesaggio circostante, la divisione delle camere approfitta di questo per creare atmosfere uniche. 

In che misura appaltatore, committente o i futuri utilizzatori hanno influito sul progetto?

C’è stata collaborazione e si è sempre cercato di trovare un compromesso tra l’architettura e le richieste della committenza.

Dettaglio ampliamento (foto: Matteo Aroldi)
Sono state eseguite modifiche significative al progetto dal primo disegno all’opera finale?

Inizialmente la richiesta era quella di un B&B, con finiture molto più semplici. Con il tempo, lavorando al progetto, si è manifestata l’intenzione di realizzare un hotel di alta classe e il progetto si è adattato a questa richiesta, soprattutto dal punto di vista tecnico e impiantistico.

Come s’inserisce l’edificio nella serie di opere già realizzate dallo studio?

Completa un percorso, in quanto è uno degli edifici più datati sul quale siamo intervenuti. Avere a che fare con questo tipo di costruzioni è sempre motivante e molto costruttivo.

Portico (foto: Matteo Aroldi)
Suite (foto: Matteo Aroldi)
Le attuali tendenze nell’ambito energetico, edilizio o progettuale hanno influenzato in qualche modo il progetto?

Lo hanno influenzato molto: adattare ai nuovi standard energetici e di confort un edificio così datato che praticamente non era isolato porta a molti compromessi.

Quale prodotto o materiale ha contribuito al successo dell’opera finale?

Credo che sia il corten, perché rappresenta il nuovo che con il suo invecchiamento dialoga con la storia dell’edificio. Il completamento della facciata ha finalmente dato il trait d’union delle varie fasi storiche della casa.

Pianta piano terra
Pianta piano primo
Pianto piano secondo
Pianto piano terzo
Sezione AA
Sezione BB

Proyecto destacado

Mecanoo

LocHal Library Interior Design

Otros artículos de esta categoría

Neues Gesicht
hace 5 días
Einfach bauen?
hace 3 semanas
Stadtreparatur
hace 1 mes